Terapie individuali, di coppia e consulenze psicologiche

Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Stress

Stress

Per combattere lo stress bisogna sviluppare la compassione per se stessi e per gli altri, come modo per incrementare il benessere. Una tecnica che ci può aiutare è la TFC che è la terapia focalizzata sulla compassione. Ha diversi protocolli di utilizzo in particolare quando ci sono livelli alti di vergogna, di un' autocritica che spesso derivano da contesti familiari difficili. Per il nostro benessere è importante sentirci accuditi, accettati avere un senso di appartenenza e di affiliazione. Questo ci permette di sviluppare emozioni positive associate al benessere e a a livello non è un neuro-ormonale, maggiore livello di endorfine e ossitocina. Essere appagati e sentirsi al sicuro sviluppano meno livelli di depressione, ansia e stress. La TFC è una terapia multimodale che si struttura su una serie di interventi derivati dalla terapia cognitivo-comportamentale. La compassione non è semplicemente "essere carini" in modo sottomesso ma definire confini, essere onesti e dare alle persone ciò che hanno bisogno e non ciò che vogliono. Gli esempi di immaginazione compassionevole hanno benefici sul sistema immunitario, cambiamenti nella corteccia frontale e nel benessere in generale.

Fobie

Fobie

Nelle fobie c'è un timore sproporzionato del danno e la tendenza a previsioni catastrofiche. Questo perché ci vediamo degli scopi senza alternative prevediamo conseguenze disastrose, inevitabili, irreparabili. Ad esempio nella fobia sociale si teme di essere presentati a degli sconosciuti soprattutto se ritenuti importanti, parlare in pubblico, cibarsi davanti ad altre persone (anche familiari), utilizzare in pubblico telefonini. La paura è di essere giudicato e di essere valutato negativamente. L'ansia viene provocata dalla situazione di intrappolamento e serve a scuotere il sistema, generando una crisi.

Disturbi d'ansia

Disturbi d'ansia

Il disturbo d'ansia nasce quando il soggetto non riconosce l'attivazione emotiva e da segnali di pericolo diventa essa stessa il pericolo. Ad esempio una persona ansiosa disorientata e sofferente in quel momento interpreta la sensazione in modo negativo e pericoloso e non come un disagio, che ci può indicare cosa fare per realizzare il nostro obiettivo. Le persone che soffrono di ansia commettono diversi errori cognitivi, esempio iper valutazione della probabilità di accadimento di un evento o della sua grandiosità, o irrazionalità logiche, ecc...

 

Ad esempio se sono ipocondriaco, e penso che un mal di testa sia un tumore, perché effettuo un esame dei fatti limitato, o magari mi baso su una ricerca incompleta di informazioni o trascuro ipotesi alternative, così mi trovo in atteggiamenti, condotte e stati d'animo nocivi e infelici. Questo mi crea dei meccanismi involontari di mantenimento dello stato di allarme, ecc... Se soffro di attacchi di panico non vado in certi luoghi e così non verifico l'attendibilità delle mie previsioni. Il fobico sociale per la paura della critica è iper controllato e gli altri lo possono vedere altezzoso e quindi si distanzieranno, il fobico sociale legge il comportamento altrui come una conferma della sua poca amabilità.